In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

 

      

Alpe di Campogrosso

Nell'estate del 1916, sul confine Imperiale, spartiacque delle attuali province di Vicenza e Trento, diretti dal generale Oraziani, reparti del genio militare, aiutati da numerosi civili tra cui donne e ragazzi, realizzarono un'imponente opera di sbarramento a! nemico.

Per proteggere la pianura vicentina, la linea si sviluppava sulle creste montuose dal!a Catena delle Tre Croci passando per Campogrosso, fino a Pian delle Fugazze.

In un singolare ambiente dolomitico prealpino, che presenta molteplici aspetti e armoniosi e apparenti contrasti offerti dalla finezza delle architetture naturali, l'Alpe di Campogrosso conserva un importante esempio di sistema difensivo collegato a una strategica rete viaria di arroccamento.

Il sentiero storico di Campogrosso

Il sentiero storico di Campogrosso collega manufatti militari suggestivi. Il primo anello del sentiero storico di Campogrosso si sviluppa sui versanti nord delle cime Po­stai e Osservatorio. L'itinerario, percorribile in 1 ora e 30 minuti circa e privo di difficoltà, parte a 300 m a est dal parcheggio del Rifugio Campogrosso, Seguendo il sentiero, si possono notare le opere di sbarramento realizzate nell'estate del 1916 a difesa del confine, lavori allora voluti dai comandi italiani sotto la direzione di reparti del Genio Militare. Considerata a morfologia del luogo, passo aperto con ampi pianori, fu necessario creare delle barriere artificiali costituite da trincee, cavalli di frisia e reticolati. La linea di difesa prevedeva inoltre una serie di bunker e ricoveri scavati nella roccia, nonché numerose piazzole per l'artiglieria e posti di osservazione. Sin dalla partenza, si possono osservare le opere di fortificazione e di difesa (bunker n° 1 con vicina piazzola di artiglieria), Perdendo leggermente quota seguendo il sentiero, ci si porta alla base di un dosso roccioso che si sormonta salendo una scalinata scavata nella roccia, Si giunge sul crinale dove passava l'antico confine Austriaco-Veneziano e si prosegue lungo la cresta fino a giungere a un secondo bunker Proseguendo verso est, passando per li terzo bunker, si giunge a una lunga trincea in parte coperta. Una volta giunti sulla vicina carrozzabile si può deviare verso il sottostante rifugio Senio o proseguire dalla parte opposta lungo la stradina che, aggi­rando cima Postai e passando per fa stazione a monte della teleferica che saliva dalla contrada Parlati, conduce al Rifugio Campogrosso. Questo tratto di sentiero, un tempo largo circa 2,50 m, garantiva l'approvvigionamento delle truppe in linea, in guanto era difficilmente individuabile dalle postazioni austriache e ben protetto dalla sovrastante cima Posta.

Inserito il:30/12/2015 17.00.28
Ultimo Aggiornamento:28/01/2016 10.47.21

social

newsletter

Dati
  • Codice Fiscale: 9200260024
  • Partita I.V.A 02559730243
Indirizzo sede sociale
  • Associazione IV Novembre - Ricercatori Storici
    Via Rovereto 21/a
    36015 - SCHIO (VI)
Follow us
yost.technology